Archivi tag: mapplethorpe

Body Lights

Jenny Holzer, I've 2008

Jenny Holzer, I’ve 2008

 

Buona overdose cioccolatosa a tutti e viva il Natale di Roma! (… Città Eterna che, a quanto pare da nuove fonti archeologiche, fosse molto più antica e sviluppata di quanto il buon Tito Livio credesse! ora Giacobbo lancerà tutta una serie di nuovi documentari shock : la Lupa era un drone marziano e Romolo il grande esploratore dello StarGate italico-venusiano. Il tutto condito da Templari saltatempo e Graal transatomici.)

Come filano veloci i giorni… gli ippocastani sono in fiore in tutta Parigi, vagamente illuminata da un sole fantasma, mentre i ciliegi del Giappone hanno già perso il loro manto delicato rosa. Ho già distrutto due paia di scarpe nei miei continui spostamenti in tutta l’Île-de-France, a caccia di nuove foto e (improbabili) opere d’arte (tra cui un abbinamento molto hipster furtivamente intravisto nella metro : pantaloni neri style boyfriend con bordi rialzati sulla caviglia, che lasciavano intravedere meravigliosi calzini rosa antico in scarpe lucide rosso bordeaux). È da un mese ormai che collaboro allo sviluppo di una galleria internazionale online per gallerie d’arte contemporanea (il titolo è proprio questo), progetto molto ambizioso nel quale cerchiamo, per quanto possibile, di permettere ai visitatori del sito di passeggiare virtualmente nelle gallerie esposte, attraverso un fornito database di opere e artisti. Se volete curiosare, ecco il link : ArtAddict.net. Oltre ad occuparmi della parte grafica per la nuova presentazione della newsletter settimanale e della homepage, tramite l’uso di Illustrator e Indesign o Inkscape e Scribus (fantastici!), devo anche animare i famigerati social networks, Facebook, Twitter, Weibo e Linkedin, di cui devo ancora chiarire del tutto le dinamiche d’interazione (per ora, ho notato che il titolo “Let’s talk about sex” ha provocato un boom di visite – how surprising). Tra le molte novità da gestire, c’è tutta una nuova prospettiva sull’arte contemporanea : ho realizzato che, finora, non avevo capito nulla dell’arte, sopratutto dell’arte contemporanea (nel seguente link si può scaricare un meraviglioso manualetto per bambini edito dal Moma NY : WICA_PREVIEW). Spesso mi sono chiesta cosa sia Arte e cosa non lo sia, come si possa trasformare banali oggetti in opere d’arte (oppure spacciare schifezze per geniali trovate artistiche), se l’Arte sia solo ribellione e provocazione, etc.

Questioni esistenziali perfettamente espresse nelle opere irriverenti di Maciej Ratajski:

if-this-isnt-artif-this-is-art

Come interpretare questa installazione di Jordan Wolfson, con la collaborazione di Spectral Motion, esposta alla David Zwirner Gallery di New York? Un complesso porno-cyborg con il volto da strega, che balla davanti ad uno specchio seguendo con lo sguardo bieco i voyeur capitati nel bel mezzo dello spettacolo?

https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=zKTY5_ad0Lk

Oppure le delicate trine di Ghada Amer, a sfondo erotico ma dal conturbante messaggio femminista?

O ancora A.G.N.E.S., spam-bot sensibile che aleggia nei server di Serpentines Galleries? L’intervista con il curatore Obrist è quasi impressionante…

Molte riflessioni da elaborare, ancora. Se è vero che con il nome d’arte contemporanea si propinano molte porcherie che vengono comprate a fior di quattrini per semplice moda vanesia, esistono anche molte opere veramente stimolanti, non solo dal punto di vista estetico, ma anche concettuale.

Tra le bellissime mostre primaverili a Parigi (ancora devo scrivere di due splendide esposizioni invernali, ma verranno presto!), oltre a Van Gogh et Artaud, les suicidés de la société, esposta al Musée d’Orsay (alla quale intendo dedicare un post, se non stramazzo al suolo per la fatica), sono andata a vedere Mapplethorpe al Grand Palais, nonché Mapplethorpe & Rodin al Musée Rodin.

Join the dark side

Join the dark side

 
“I see things like they were sculptures. It depends on how that form exists within the space”. Robert Mapplethorpe

“I see things like they were sculptures. It depends on how that form exists within the space”. Robert Mapplethorpe

Mapplethorpe nutriva una vera ossessione per i corpi, che considerava come contorni dinamici nello spazio, con un’attenzione particolare per i dettagli, la materia e la black beauty. Tensione del movimento, contrasti di luce ed ombre, sensualità ed erotismo delle forme maschili e femminili, passione e dannazione, ecco i temi estetici comuni ai due artisti – e quest’ultima esposizione si rivela essere un confronto e un dialogo estremamente intrigante tra due geni.

Non mancano le sorprese : qui potrete scoprire i rifugi preferiti del fotografo pazzo e della sue musa Patti Smith, passeggiando virtualmente in New York (cliccate sui punti colorati).

Vi lascio con le reazioni di Elyx by Yak, simpatico personaggio parigino nato in un taccuino itinerante :

En garde!

En garde!

Bleah!

Bleah!

 

Hypnotizing Patti!

Hypnotizing Patti!

Movement and Tension, Black and White/Light and Shadow, Eroticism and Damnation are just some of the major issues running through the works of the two artists. – See more at: http://www.musee-rodin.fr/en/exhibition/exposition/mapplethorpe-rodin#sthash.tnZ3oiDJ.dpuf
Movement and Tension, Black and White/Light and Shadow, Eroticism and Damnation are just some of the major issues running through the works of the two artists. – See more at: http://www.musee-rodin.fr/en/exhibition/exposition/mapplethorpe-rodin#sthash.tnZ3oiDJ.dpuf