Archivi del mese: settembre 2013

Prometheus (out of the cage)

Torche-Promethee-peinture

“When we get out of the glass bottle of our ego and when we escape like the squirrels in the cage of our personality and get into the forest again, we shall shiver with cold and fright. But things will happen to us so that we don’t know ourselves. Cool, unlying life will rush in.” – D. H. Lawrence

Sono diventata cantastorie a Parigi e malgrado alcuni alunni particolarmente esuberanti che mettono a dura prova le mie povere corde vocali atrofizzate, interagire con le mie classi è (quasi) sempre un piacere. A volte spuntano riflessioni davvero interessanti. Raccontando del mito di Prometeo e dell’umanità, molti bambini risero dello sbaglio dello sciocco Epimeteo, poi della curiosità di Pandora, mentre altri si indignarono di sentire che l’uomo era vulnerabile, fragile.

Da parte a parte si levavano più domande : “Ma se l’uomo è così fragile, perché gli dèi gli hanno permesso di riprodursi?”, ” La donna lo rende più forte?”, “Perché l’uomo deve soffrire?”

I bambini sono esigenti, non vogliono risposte facili, ma logiche verità (persino la Medusa ha una sua logica).

Perché, bambini, anche se l’uomo è fragile, nudo e vulnerabile, non ha zanni o artigli, ha ricevuto il dono della vita e il fuoco dell’intelligenza per rischiarare le tenebre e allontanare le bestie. L’uomo vive e impara dalle sue sofferenze, si batte per la vita con dignità, generosità, calore, speranza e fantasia. E non è bello, forse, compiere così tante prodezze, partendo da così poco?

“Allora anche noi umani possiamo diventare degli dèi?”


Annunci

Bluebird – Charles Bukowski

Paul-Klee-Forest-Bird-207016

there’s a bluebird in my heart that
wants to get out
but I’m too tough for him,
I say, stay in there, I’m not going
to let anybody see
you.
there’s a bluebird in my heart that
wants to get out
but I pour whiskey on him and inhale
cigarette smoke
and the whores and the bartenders
and the grocery clerks
never know that
he’s
in there.

there’s a bluebird in my heart that
wants to get out
but I’m too tough for him,
I say,
stay down, do you want to mess
me up?
you want to screw up the
works?
you want to blow my book sales in
Europe?
there’s a bluebird in my heart that
wants to get out
but I’m too clever, I only let him out
at night sometimes
when everybody’s asleep.
I say, I know that you’re there,
so don’t be
sad.
then I put him back,
but he’s singing a little
in there, I haven’t quite let him
die
and we sleep together like
that
with our
secret pact
and it’s nice enough to
make a man
weep, but I don’t
weep, do
you?

The Bluebird, Charles Bukowski

klee-blauenacht