Le Roi est mort! Vive le Roi!

 

Nel XIImo secolo avanti Cristo, avvenne l’ultimo, glorioso scontro di dei ed eroi, immortalato nel canto del misterioso aedo Omero : la Guerra di Troia. L’assedio degli Achei dura da dieci anni, le discordie tra i capi serpeggiano tra l’assemblea dei guerrieri e dividono i cuori. Achille non vuole più giocare, perché Agamennone, in un raptus di regale gelosia, gli ha derubato il premio-giocattolo per il suo divino ardore guerriero. Ma ecco, Patroclo è più patriottico, prende le veci e le vesti dell’amico, compie strage di eroi, finché Apollo non lo scema delle sue forze, provocandone così la morte. Folle di dolore, assetato di vendetta, Achille riprende le armi, armi nuove e degne di un dio, forgiate da Vulcano in persona. Uccide Ettore, il Principe di Ilio, valoroso uomo e sposo affettuoso. Tuttavia, l’animo selvaggio di Achille non è placato. Per vendicare l’amico e l’onore scalfito, lega il corpo dell’avversario al suo carro e lo trascina intorno alle mura della città, sotto gli occhi dei nobili Troiani. Di ritorno al campo acheo, ripete lo stesso rituale intorno alla pira di Patroclo.

Ed Ilio verrà presa con l’inganno dall’astuto Ulisse. Ma tutto questo si sa già.

Siamo nel XXImo secolo. I dittatori e i terroristi cadono, dopo una ribellione giusta e santa del popolo, supportata dall’esercito dei paesi più ricchi del mondo. Peccato però : quando c’erano accordi economici vantaggiosi con questi famigerati tiranni, tutti loro chiudevano un occhio. Che diritto si aveva di intervenire negli affari interni di una nazione?

I loro corpi inerti vengono seviziati. Le statue rovesciate. -Ma non si era nascosto? non era partito con valigie piene di oro? C’era un rischio di armi batteriologiche. Di missili ultrapotenti. La guerra è finita, ma l’esercito rimane per assicurare l’ordine sociale e promuovere la democrazia.-

Evviva, la civiltà è salva. Infidae Syrtae. D’altronde, all’inizio del suo mandato, Obama era stato insignito del Premio Nobel per (l’intenzione di) la Pace.

I Greci avevano una rappresentazione ciclica del tempo. Pensavano anche che l’uomo avanzasse nella vita a ritroso : girato verso il passato, camminava nel presente. Il futuro, che non si poteva prevedere del tutto, lo sorprendeva alle spalle.

Ironia dell’animo umano. In ogni modernità delle ere umanoidi, abbiamo buttato il passato alle spalle, e ci precipitiamo ad alta velocità nel futuro. Il futuro. Il presente non ha nessun valore, a meno che non attiri l’attenzione dei media. Il passato serve solo per i documentari e i memoriali. Non ha importanza imparare dagli errori precedenti. Dopotutto, domani è un altro giorno.

Mi viene da pensare che l’istinto del potere non possa mai essere alterato dal Tempo. Come un diamante nero. Un diamante che nasconde la sue origini sanguinose dietro ad una lucentezza fatale.

 

 

Annunci

One response to “Le Roi est mort! Vive le Roi!

  • bassamarea

    A: Timone a dritta. Avanti a tutta forza!
    B: Ma.. capitano.. andiamo verso l’occhio del ciclone..
    A: Timone a dritta. Avanti a tutta forza!
    B: Ma..
    A: Gettatelo a mare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: