City Lights

Per il giorno del suo compleanno, che bussava puntualmente alle porte dell’inverno, Giancà regalò a Virginia una candela profumata : una volta la miccia consumata, la candela avrebbe assunto la forma di un enorme cuore di cera. Virginia, felice ed illuminata, lasciò la candela emanare ininterrottamente il suo chiarore incerto fino alla vigilia di natale, aspettando che il suo amore scendesse dalle contrade nordiche dove lavorava.

Quella fatidica sera, Giancà ritornò dalla Germania e  le annunciò che presto sarebbe diventato padre : una misteriosa Fräulein aveva catturato il suo cuore.

Virginia si spense d’improvviso. Quando gettò lo sguardo sulla candela, scoprì che le sue curve richiamavano non un cuore, bensì delle corna leggermente ammosciate.

La candela spiccò il volo attraverso la finestra. E Virginia imparò a diffidare dai cuori di cera : non resistono ad un sole troppo intenso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: