Se questo è un uomo

 

Le mie notti sono sempre state agitate, sin da piccola, da incubi ricorrenti. Appena riconoscevo l’atmosfera di un sogno terrificante, tentavo di cambiarne i dettagli, poi le azioni, raccontandomi storie, ma niente, l’incubo finiva sempre con l’avere il sopravvento.

In uno di questi, mi appariva un uomo, vestito con molta eleganza, in frac e scarpe smaltate, con tanto di guanti bianchi, ma non riuscivo a vederne il volto, perché era ricoperto da una maschera. Allora tendevo la mano e la maschera cadeva,  rivelando un’altra maschera, poi un’altra e un’altra ancora. Mentre la figura in frac ballava meravigliosamente il valzer, le maschere cadevano come foglie d’autunno, i suoi sorrisi si scioglievano e la mia angoscia diventava vertigine esistenziale. Avrei mai intravisto il suo vero volto? Infine, quando molte maschere giacevano ormai a terra, si lacerava anche l’ultima : nessun viso, solo un nudo paletto di legno. Avrei voluto gridare, forse, ma la voce mi moriva in gola.

Cielo. Persino nei miei sogni sono afona e affascinata da ombre in stile démodé.

Ecco perché, probabilmente, mi piace osservare a lungo le persone, prima di iniziare, (eventualmente) un dialogo. Tento istintivamente di intravedere la vera natura dello sconosciuto paletto di legno, nascosto dietro maschere sociali e verbali. Magari è affine al mio stecchino interiore.

 

Annunci

One response to “Se questo è un uomo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: